Ecologica


Vai ai contenuti

Derattizzazione

Secondo i rapporti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità il numero di ratti e topi è in continuo ed inarrestabile aumento, assillando sia i Paesi poveri che quelli ricchi, mangiando e contaminando le culture nei campi e le merci immagazzinate, nelle industrie possono distruggere alimenti, danneggiare mobili, macchinari ed impianti elettrici; nelle case possono arrivare persino a mordere i bambini durante il sonno. Inoltre sono formidabili vettori di malattie di cui le più importanti sono il tifo murino, diffuso dalle zecche e dagli acari parassitoidi dei ratti, la leptospirosi, diffusa da un batterio presente nel sangue e nelle urine dei ratti infetti, e la famigerata peste, che nel medioevo ha causato la morte di milioni di esseri umani nella sola Europa. I ratti sono infine portatori di microrganismi tifoidi della dissenteria e della rabbia.
La grande plasticità biologica ha consentito a questi roditori sinantropi, di fronteggiare tutti i più sofisticati stratagemmi attuati per eradicarli ed ha permesso loro di diffondersi in tutte le zone del mondo. Ci sono due gruppi fondamentali di fattori che controllano la dinamica di popolazione di questi roditori:
fattori estrinseci o ambientali e fattori intrinseci o biologici (competizione, malattie, parassitismo,predazione, ecc.). Solo la modifica dei fattori estrinseci, poteva portare ad una duratura riduzione di una popolazione di roditori, in un dato ambiente, in quanto permetteva di ridurne la capacità biologica specifica.
Il sistema HACCP permette di identificare e sorvegliare dei punti chiave, idonei a garantire un elevato standard igienico – sanitario e prevede tre fasi di lavorazione: ispezione – monitoraggio – interventi in abbonamento mediante l‘impiego di mangiatoie chiuse a chiave al fine di preservare bambini, personale estraneo ed animali dal contatto e per evitare la contaminazione degli alimenti.
Le esche topicide utilizzate sono registrate presso Il Ministero della Sanità e posizionate all’interno delle mangiatoie: sono ad azione cumulativa contenenti, come principi attivi anticoagulanti di ultima generazione che, assunti anche in piccole dosi, causano la morte degli individui dopo alcuni giorni, evitando di generare sospetto nella popolazione murina restante.
Le mangiatoie sono segnalate con appositi cartelli e riportate su di una mappa di cui Vi sarà rilasciata copia assieme alla scheda tecnica ed alla scheda tossicologica del prodotto da allegare al Manuale HACCP.
A completamento dell’intero ciclo vengono redatti dettagliati rapporti che documentano i risultati di ogni azione intrapresa, ivi compresi i controlli di routine programmati.


Torna ai contenuti | Torna al menu