Ecologica


Vai ai contenuti

Cimici dei letti

Le cimici dei letti sono una specie di piccoli insetti ematofagi dal corpo piatto e ovale appartenenti all’ordine dei Rincoti. Fino a pochi anni fa questa specie, parassita dell’uomo era considerata quasi scomparsa mentre negli ultimi anni le segnalazioni si stanno moltiplicando. Visitate anche il SITO internet: www.disinfestazionecimicideiletti.it e visionate questo Video: CLICCARE QUI
L’insetto è privo di ali e di giorno si nasconde nei materassi e nelle crepe dei mobili e infissi.
Il loro colore predominante è il marrone. La cimice dei letti è dotata di un rostro attraverso il quale punge per nutrirsi del sangue del suo ospite: l’uomo
PROBLEMA
In caso di infestazione accertata o presunta, il disinfestatore deve partire già con un’idea chiara in testa: nel caso delle cimici dei letti non è prevista una procedura di contenimento dell’infestazione. L’unica forma è l’eradicazione del problema che, naturalmente, non
può essere conseguito in un solo trattamento. Per questo è importante disciplinare e codificare le fasi dell’intervento per non complicare ulteriormente la situazione.
ISPEZIONE
Fondamentale è il processo ispettivo al fine di individuare le proporzioni del problema. I tentativi maldestri di intervento, in cui si cerca di ammazzare l’ani-male a colpi di insetticida, potrebbero infatti risultare controproducenti, espandendo l’infestazione, invece di contenerla. Molti insetticidi, infatti, hanno solo un effetto di lavaggio e detersione che non implica necessariamente l’eliminazione dell’infestante o delle sue uova. È in quest’ottica che diventa essenziale il monitoraggio costante durante il pro-gramma operativo, giacché un controllo inadeguato porta spesso alla diffusione dell’infestazione.
Ispezionare i materassi, facendo atten-zione più alle zone buie che a quelle es-poste alla luce: cuciture, bottoni, etichette sono nicchie perfette per le cimici che preferiscono rifugiarsi alla base del letto piuttosto che sulla superficie. Altro punto di annidamento strategico sono i buchi di viti e bulloni, che andranno accuratamente svitati e controllati. Una volta ispezionato il letto, si potrà passare alle zone limitrofe: struttura, testata, cassettoni, guardaroba e tutto il mobilio Nulla dovrà sfuggire all’occhio attento del disinfestatore: libri, monitor, cuffie, prese elettriche, crepe di intonaco, intelaiature varie, ecc.ecc.
La disinfestazione di questo parassita, vista la sua elevata capacità riproduttiva e migratoria, è assai complicata e necessita ti accortezze tecniche tali da non causare l’estensione dell’infestazione piuttosto che la sua riduzione
Lo "
spreading" è la tendenza delle cimici a diffondersi nell'ambiente circostante... può avvenire in maniera lenta e naturale oppure in modo brusco ed imprevedibile sopra-tutto in seguito a disturbo (prodotti insetticidi ad azione repellente/snidante).
INTERVENTO
Sulla base delle informazioni collezionate durante il sopralluogo,
si procede all’intervento con il vapore saturo secco.
Si comincia con il materasso per poi procedere alla struttura del letto e via via trattando tutti i punti sin dove si è constatata la presenza duran-te il sopraluogo, senza tralasciare eventuali fes--sure ed i punti di corrente, ottimi rifugi per le cimici, anche se vanno trattati con la dovuta cautela. Procedendo con ordine, ripassando soprattutto le crepe e le fessure il disinfestatore controllerà l’infestazione.

Le cimici dei letti
- vivono dove dormono gli esseri umani
- sono lucifughi (non gradiscono la luce): di giorno si rintanano
- si rifugiano in materassi, doghe e pavimenti
- si nutrono unicamente di sangue umano (ematofagi)

Il ciclo biologico
- uova
- 5 stadi di ninfa (passaggio allo stadio superiore dopo pasto di sangue)
- adulto
- le uova possono schiudersi fino a 2 mesi dopo
- depone fino a 5 uova al giorno
- con due pasti settimanali una femmina può deporre fino a 350 uova
- L’uovo si schiude dopo 5.5 giorni a 28°C fino a 48 giorni a 15°C.
- Le larve, da giallastre a marroni, per nascere aprono un coperchio a cupola posto nella parte superiore dell’uovo.
La ninfa somiglia molto all'adulto, tuttavia la sua taglia è più piccola e ha una cuticola più debole che lascia trasparire lo stato di digestione del sangue ingerito
Segni di infestazione
- edema-eritema in parti non esposte del corpo
- prurito causato dalla puntura
- in caso di ipersensibilità si possono verificare problemi per il sistema nervoso e per il sistema digerente
- presenza di cimici morte
- macchioline nere (sangue lasciato dalle cimici)
- malodore, causato dal feromone delle cimici
- cimici vive, segno di diffusa infestazione
Tecnica ecologica a residualità 0: vapore saturo secco
- Elevata capacità di penetrare nei tessuti e nelle fessure
- Debella le uova e gli insetti annidati
- Non necessita di residualità per attendere le nascite
- La stanza/l’appartamento è subito abitabile

Oltre la Disinfestazione Tradizionale - Senza uso di insetticida, senza residualità e atossico al 100%


Torna ai contenuti | Torna al menu